Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone

Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

Contatto Skype
Il mio stato

Lunedì / Venerdì
ore 10.00 - 18.00

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

parlane_con_noi-x_web

800 090204

Vuoi conoscere il nome della struttura, dello psicologo o dello psicoterapeuta della tua zona in grado di aiutarti?
Telefona GRATUITAMENTE al nostro Servizio di Consulenza!

CHIAMA SUBITO IL NUMERO VERDE!
800 090204
lunedì / venerdì
9.30 / 19.00

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica

pubblicità

Informazioni per gli Psicologi e Psicoterapeuti - Area Pubblica

La resilienza, come acquisirla? In noi stessi o dagli altri?

ll termine “resilienza” ha origine in ambiente tecnico ed indica la capacità di un materiale non solo di resistere ad una sollecitazione, ma anche di mantenere immutate le proprie caratteristiche strutturali ed elastiche, rispondendo così ad una nuova sollecitazione senza aver “memoria” della prima. Oggi di resilienza si parla in tanti ambiti, molto diversi tra loro (dall’ecologia all’informatica, dalla medicina alla psicologia...) ma resta univoco il senso di fondo del termine: la capacità di “ricostruirsi” dopo un trauma subito.

 

Leggi tutto... [La resilienza, come acquisirla? In noi stessi o dagli altri?]
 
La strana correlazione tra autismo ed età dei genitori

La probabilità di avere un figlio autistico aumenta quando i genitori sono relativamente anziani al momento del concepimento: il rischio più consistente riguarda i padri ultracinquantenni, ma rimane comunque significativo per padri e madri di più di 40 anni, per le coppie in cui il padre è più vecchio della madre di una decina d'anni e, in controtendenza, per le madri adolescenti.
E' quanto emerge da un ampio studio epidemiologico pubblicato sulla rivista “Molecular Psychiatry” da Michael Rosanoff, direttore dell'associazione di pazienti Autism Speaks, e colleghi.

Leggi tutto... [La strana correlazione tra autismo ed età dei genitori]
 
Troppi tablet e smartphone: il nostro cervello come quello dei pesci rossi

A molti piace utilizzare l’espressione «avere una memoria da pesce rosso».
Di certo questo pesce d’acqua dolce non si ricorda nulla, ma in ogni caso, è bene saperlo, resta più concentrato di tutti noi! Meglio quindi portargli più rispetto.
Infatti uno studio realizzato da Microsoft in Canada ha dimostrato che la nostra capacità di concentrazione non supera gli otto secondi...contro i nove di un pesce rosso.
Questo è certamente uno degli studi più dolorosi per l’autostima dell’essere umano. Il fatto è che da un faccia faccia con un pesce rosso, l’uomo ne esce perdente (per ora solo sul livello concentrazione).

 

Leggi tutto... [Troppi tablet e smartphone: il nostro cervello come quello dei pesci rossi]
 
Il ruolo dei flussi migratori nell'espressione delle emozioni

La mescolanza delle popolazioni umane dovute alle migrazioni avvenute negli ultimi 500 anni può spiegare le differenze culturali nell'espressione delle emozioni e nelle funzioni sociali attribuite al sorriso.
È quanto è emerso da un nuova ricerca apparsa sui "Proceedings of the National Academy of Sciences" e condotta da Magdalena Rychlowska dell'Università del Wisconsin a Madison e colleghi di una collaborazione internazionale.
In particolare, le popolazioni nazionali più eterogenee sono quelle in cui l'espressione emotiva è più libera e in cui il sorriso ha una valenza di espressione di piacere e di disponibilità al legame col prossimo.

 

Leggi tutto... [Il ruolo dei flussi migratori nell'espressione delle emozioni]
 
Ci vuole impegno (del cervello) per sentirsi nel proprio corpo

Sentirsi all'interno del proprio corpo non è affatto ovvio, anzi per il cervello è un lavoraccio: a dimostrarlo è una ricerca condotta da neuroscienziati del Karolinska Institut di Stoccolma, che hanno anche scoperto che questa sensazione nasce dal coordinamento di due distinte percezioni: quella relativa alla posizione in cui ci si trova e quella relativa al possesso del proprio corpo.

 

Leggi tutto... [Ci vuole impegno (del cervello) per sentirsi nel proprio corpo]
 
<< Inizio < Prec. 1 3 4 5 6 7 8 9 10 > Fine >>

Pagina 1 di 50


Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni