Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone

Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

Contatto Skype
Il mio stato

Lunedì / Venerdì
ore 10.00 - 18.00

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Chiarito il collegamento tra ossitocina e comportamento sessuale

pubblicità

Chiarito il collegamento tra ossitocina e comportamento sessuale

alt

Le femmine di topo mostrano interesse per i maschi durante l'estro solo se una specifica popolazione neuronale è ricettiva all'ossitocina, l'"ormone dell'amore" che nei mammiferi regola molti comportamenti prosociali, dal legame di coppia alle cure dei piccoli.
Lo dimostra un nuovo studio sperimentale che getta le basi per una migliore comprensione dei delicati meccanismi comportamentali umani in cui è coinvolta l'ossitocina.

Sono situati nella corteccia prefrontale del cervello dei topi i neuroni necessari alla femmina per mostrare interesse nei confronti dei maschi durante l'estro, la fase ricettiva del ciclo sessuale.

 

Queste stesse cellule sono sensibili all'azione dell'ossitocina, detta anche “ormone dell'amore” per il suo ruolo nei meccanismi che regolano il comportamento sociale, in particolare nella cura dei piccoli e nel legame di coppia.
Lo ha scoperto un nuovo studio apparso sulla rivista “Cell” a firma di Miho Nakajima e colleghi della Rockfeller University.
I neuroni sensibili all'ossitocina sono stati trovati in molte strutture cerebrali, a riprova di come questo ormone sia fondamentale per un'ampia gamma di comportamenti sociali, ma i particolari del meccanismo mediante cui l'ossitocina influenza i circuiti neurali non erano ancora stati chiariti.

 

Tratto da www.lescienze.it. Prosegui nella lettura dell'articolo



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni