Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone

Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

Contatto Skype
Il mio stato

Lunedì / Venerdì
ore 10.00 - 18.00

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica La solitudine: sofferenza e possibilità

pubblicità

La solitudine: sofferenza e possibilità

 Articolo a cura della Dott.ssa Elisa Caponetti

“La solitudine fa maturare l'originalità, la bellezza strana e inquietante, la poesia. Ma genera anche il contrario, lo sproporzionato, l'assurdo e l'illecito”.
Thomas Mann, 1912.

solitudine e sofferenzaLa solitudine dunque, come risorsa, come bisogno di ritrovare noi stessi, la nostra emotività, il nostro lato più artistico, ma anche al contempo, solitudine come fuga e distacco dalla realtà e dalle difficoltà.
Esiste dunque una solitudine sana, positiva e che va ricercata ed un’altra legata invece ad un condizione di profondo malessere, oggi purtroppo sempre più diffusa ad ogni fascia di età.
Bambini che hanno sempre più difficoltà a socializzare e giocare insieme, vittime del consumismo, dei giochi elettronici, cellulari ed altro.
Adulti chiusi nel loro isolamento ed egoismo ed anziani sempre più soli.
I dati ci confermano che è un fenomeno in continuo aumento. E’ una condizione umana che genera profonda sofferenza e si accompagna spesso a stati d’animo depressivi e di disperazione.


Un tempo era considerata un privilegio di artisti, intellettuali e poeti.
Oggi purtroppo il male del secolo al quale diventa difficile sfuggire. Ma la vera solitudine, non è soltanto quella data dallo stare fisicamente soli, è qualcosa di ben più profondo e radicato, una nostra dimensione intima ed interna che ci portiamo dentro anche quando siamo in mezzo ad una folla.

Per cogliere meglio il fenomeno si può far riferimento a Bauman che ha spiegato il concetto di modernità liquida e solitudine del cittadino globale, dove i legami tra le persone si sono “liquefatti” sono diventati effimeri, fugaci e precari.


Il risultato di tutto ciò è che gli individui sono afflitti dalla solitudine.
Nella società contemporanea, l’individuo è centrato esclusivamente su se stesso ed è così diventato egocentrico ed egoista. Viviamo in una epoca storica dove i rapporti sono “liquidi” e la modernità ha prodotto smarrimento e paura ed ha preso il posto della fiducia e della condivisione, pervasi da un vuoto che non è soltanto esterno ma che corrisponde ad un svuotamento anche interiore.
Instabilità, disorientamento, malessere, precarietà ed estraneità sono solo alcune delle conseguenze possibili. 

Articolo a cura della Dott.ssa Elisa Caponetti



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni