Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone

Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

Contatto Skype
Il mio stato

Lunedì / Venerdì
ore 10.00 - 18.00

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica L'innata capacità musicale del neonato

pubblicità

L'innata capacità musicale del neonato


2

La percezione musicale riposa su sofisticate capacità cognitive per la decodifica delle note, del ritmo, del timbro e per l'elaborazione di elementi sequenziali che formano strutture gerarchiche atte a veicolare l'espressione emotiva e significati.A dispetto di questa complessità, si stanno accumulando dati che indicano che anche nella primissima infanzia i bambini sono estremamente sensibili all'informazione musicale. Distinguere intonazione e ritmo, armonie e dissonanze, rilevare variazioni di ritmo, timbro e tempo, come pure la durata delle note e delle frasi musicali: queste competenze musicali sembrano avere un'importante influenza sull'apprendimento iniziale del linguaggio dato che l'elaborazione della prosodia del parlato (ossia il suo ritmo e la sua melodia) fornisce essenziali informazioni per l'identificazione delle sillabe, delle parole e delle frasi.

Nonostante i numerosi dati che confermano questo stretto legame, ben poco si sa ancora sulle basi neuronali dell'elaborazione musicale nei neonati e nei bambini molto piccoli. In particolare non è noto in che misura la specializzazione di questi sistemi di elaborazione derivi da una lunga esposizione alla musica o da un substrato neurobiologico. Ora un gruppo di ricercatori dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, con la collaborazione di Stefan Koelsch del Max Planck Institut per le scienze cognitive di Lipsia, è riuscito a porre un punto fermo sulla questione.

Come viene illustrato in un articolo pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) a prime firme Daniela Perani e Maria Cristinamusica202big1ja2
Saccuman, i ricercatori sono ricorsi alla risonanza magnetica funzionale per misurare l'attività cerebrale di neonati di uno-tre giorni, mentre venivano fatti loro ascoltare brani di musica tonale occidentale e versioni alterate di quella stessa musica, nelle quali era stata alterata la chiave tonale o veniva fatto uso sistematico di dissonanze.

L'ascolto della musica originale evocava un'attivazione predominante nella corteccia uditiva primaria e di ordine superiore dell'emisfero destro, che si riduceva notevolmente per i brani dissonanti, con i quali si manifestava una risposta nella corteccia frontale inferiore sinistra e nelle strutture limbiche. Questi risultati, osservano i ricercatori, dimostrano che già nel neonato è presente una specializzazione emisferica per l'elaborazione della musica. I risultati indicano anche che l'architettura neuronale sottostante all'elaborazione musicale nei neonati è sensibile ai cambiamenti di chiave tonale e alle armonie e dissonanze.

Tratto da "LeScienze.it"



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni