Psiconline ADV

Dott. Alessandro Fortunato
Arianna Ciamarone

Psiconline®
Settore Advertising
Tel. 085 817699 int.44

Contatto Skype
Il mio stato

Lunedì / Venerdì
ore 10.00 - 18.00

Chiama per qualunque
esigenza di tipo pubblicitario!
Siamo a tua disposizione
per consigliarti ed aiutarti!

Negli orari in cui non siamo presenti in sede, inviaci una email a:

Psiconlineadvmini

Ti risponderemo al più presto!

 

Psicologo? Psicoterapeuta?

Il tuo nome non può mancare.

Non puoi non farti conoscere da chi ha bisogno della tua professionalità.

Scopri le proposte che ti abbiamo riservato

Home Area Pubblica Stressate dalla malattia? Psicologo e tecniche di relax aiutano

pubblicità

Stressate dalla malattia? Psicologo e tecniche di relax aiutano

donne stress

Un intervento psicologico, anche breve, può aiutare le donne con un tumore al seno a gestire meglio lo stress dovuto alla malattia. Secondo i ricercatori americani dell’Università di Miami basterebbero anche soltanto cinque settimane di sostegno nelle fasi iniziali dell’iter di cure, già al momento della diagnosi o subito dopo l’intervento chirurgico, per trarre un beneficio. «Fornire un sostegno alle pazienti fin dall’inizio può rivelarsi molto efficace su più fronti: per migliorare le capacità di adattamento alla malattia, per gestire al meglio umore, ansia, paure e anche per prevenire una possibile depressione futura» conferma Anna Costantini, presidente della Società italiana di psiconcologia e responsabile del servizio di Psiconcologia dell’Ospedale Sant’Andrea-Sapienza-Università di Roma.

 
Lo studio: così scendono ansia e stress

Gli studiosi americani hanno arruolato 183 donne in cura per un carcinoma mammario nell’area di Miami e le hanno suddivise in tre gruppi, destinati a ricevere un sostegno per cinque settimane: una parte ha fatto terapia cognitivo-comportamentale, una tecniche di rilassamento e un’ultima parte un ciclo di sedute di educazione alla salute. Al termine del periodo previsto i ricercatori hanno misurato i loro livelli di sofferenza psicologica (o distress) e quanto la loro vita si fosse «interrotta» a causa della malattia nella quotidianità o a livello sociale, tenendo in considerazione anche i disturbi dell’umore, in un’ottica generale di benessere emotivo.


Tratto da www.corriere.it - Prosegui nella lettura dell'articolo



Pubblicità

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni